Alliance Cicatrici
Colifagina S
Nutraceutici
Farmaexplorer.it

Spikevax, un vaccino a RNA messaggero, per la prevenzione di COVID-19


Il vaccino Spikevax ( vaccino COVID-19 Moderna ) è utilizzato per la prevenzione di COVID-19, malattia causata dal virus SARS-CoV-2.
Spikevax viene somministrato agli adulti di età pari o superiore a 18 anni.
Il vaccino induce il sistema immunitario a produrre gli anticorpi e le cellule del sangue attive contro il virus, conferendo così una protezione anti-COVID-19.
Poiché Spikevax non contiene il virus per indurre l’immunità, non può trasmettere COVID-19.

Spikevax non deve essere somministrato se la persona è allergica al principio attivo o a uno qualsiasi degli altri componenti ( lipide SM-102, colesterolo, 1,2-distearoil-sn-glicero-3-fosfocolina [ DSPC ], 1,2-dimiristoil-rac-glicero-3-metossipolietilenglicole-2000 [ PEG2000 DMG ], trometamolo, trometamolo cloridrato, acido acetico, sodio acetato triidrato, saccarosio, acqua per preparazioni iniettabili ) di questo medicinale.

La persona deve rivolgersi al medico o all’operatore sanitario del centro vaccinale prima di ricevere il vaccino se: ha presentato una grave reazione allergica o problemi respiratori dopo l’iniezione di un altro vaccino o dopo avere ricevuto Spikevax in passato; è svenuta dopo un’iniezione; ha una malattia o un’infezione grave con febbre alta. Tuttavia, se ha una febbre lieve o un’infezione delle vie respiratorie superiori ( come un raffreddore ) potrà comunque ricevere la vaccinazione; ha un problema di sanguinamento, una tendenza alla formazione di lividi, o se usa medicinali per prevenire la formazione di coaguli di sangue; ha un sistema immunitario indebolito, a causa di una malattia come l’infezione da HIV, o di medicinali che influenzano il sistema immunitario, come i corticosteroidi.

E' necessario informare il medico o l’operatore sanitario del centro vaccinale se il vaccinando sta usando, ha recentemente usato o potrebbe usare qualsiasi altro medicinale, o se è stato vaccinato di recente qualsiasi altro vaccino.

Se è in corso una gravidanza, se si sospetta o si sta pianificando una gravidanza o se si sta allattando con latte materno, è necessario chiedere consiglio al medico prima di ricevere il vaccino Spikevax.

I dati relativi all’uso di Spikevax in donne in gravidanza sono limitati. Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti su gravidanza, sviluppo embrionale / fetale, parto o sviluppo post-natale.
La somministrazione di Spikevax durante la gravidanza deve essere presa in considerazione solo quando i potenziali benefici sono superiori ai potenziali rischi per la madre e per il feto.

La durata della protezione offerta dal vaccino non è nota; sono tuttora in corso studi clinici volti a stabilirla.
Come per tutti i vaccini, la vaccinazione con Spikevax potrebbe non proteggere tutti coloro che lo ricevono. I soggetti potrebbero non essere completamente protetti fino a 14 giorni dopo la seconda dose del vaccino.
È pertanto essenziale continuare a seguire scrupolosamente le raccomandazioni di sanità pubblica ( mascherina, distanziamento e lavaggio frequente delle mani ).

Spikevax viene somministrato sotto forma di iniezione intramuscolare nella parte superiore del braccio.
È previsto un richiamo ed è raccomandabile che la seconda dose dello stesso vaccino sia somministrata 4 settimane ( e comunque non oltre 42 giorni ) dopo la prima dose per completare il ciclo di vaccinazione.
È molto importante che venga eseguita la seconda somministrazione per ottenere una risposta immunitaria ottimale.

Spikevax può essere utilizzato per completare un ciclo vaccinale misto, nei soggetti di età inferiore ai 60 anni che abbiano già effettuato una prima dose di vaccino Vaxzevria, a distanza di 8-12 settimane dalla somministrazione di questo vaccino.

Come tutti i vaccini, Spikevax può causare effetti indesiderati, sebbene non tutte le persone li manifestino.
Effetti indesiderati molto comuni ( possono interessare più di 1 persona su 10 ) sono: gonfiore sotto le ascelle, mal di testa, nausea, vomito, dolore ai muscoli, alle articolazioni e rigidezza, dolore o gonfiore in corrispondenza del sito di iniezione, sensazione di estrema stanchezza, brividi, febbre.
Effetti indesiderati comuni ( possono interessare fino a 1 persona su 10 ) sono: eruzione cutanea, arrossamento o orticaria in corrispondenza del sito di iniezione.
Il prurito nel sito di iniezione è un effetto indesiderato non-comune ( può interessare fino a 1 persona su 100 ).
Effetti indesiderati rari ( possono interessare fino a 1 persona su 1.000 ) sono: paralisi flaccida facciale monolaterale temporanea ( paralisi di Bell ), gonfiore del viso ( può manifestarsi gonfiore del viso nei pazienti che si sono precedentemente sottoposti a iniezioni cosmetiche facciali ).
La reazione allergica grave e l' ipersensibilità sono reazioni avverse non-note ( la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili ). ( Xagena2021 )

Fonte: AIFA, 2021

Vac2021 Med2021 Inf2021 Farma2021


Indietro