Nutraceutici
Vertigini
Alliance Cicatrici
Farmaexplorer.it

Farmaci per il diabete: revisione dei medicinali contenenti Pioglitazone a causa del possibile rischio di cancro alla vescica


L’EMA ( European Medicines Agency ) ha completato una revisione dei medicinali contenenti Pioglitazone, in seguito ai problemi sollevati sul possibile rischio di cancro della vescica.
Il Comitato per i Medicinali per uso umano dell’Agenzia ( CHMP ) ha concluso che, sebbene ci sia un lieve rischio di tumore della vescica con Pioglitazone, i suoi benefici continuano a superare i rischi in una limitata popolazione di pazienti con diabete mellito di tipo 2.
Il Comitato ha predisposto delle raccomandazioni per ridurre il rischio di cancro della vescica in pazienti che assumono tali medicinali.

I medicinali contenenti Pioglitazone sono utilizzati nel trattamento del diabete mellito di tipo 2, una malattia in cui il pancreas non produce abbastanza insulina per controllare i livelli di glucosio nel sangue o quando l’organismo non è capace di usare efficacemente l’insulina.
Tali medicinali sono disponibili in commercio in compresse contenenti solo Pioglitazone ( Actos e Glustin ) o in compresse nelle quali Pioglitazone è associato ad altri medicinali antidiabetici come Metformina ( Competact e Glubrava ) e Glimepiride ( Tandemact ).

Il Pioglitazone appartiene alla classe dei tiazolidinedioni, anche detti glitazoni. Questi medicinali antidiabetici agiscono legandosi ai recettori denominati PPAR-gamma nel tessuto adiposo, nel muscolo e nelle cellule epatiche, rendendoli più sensibili al’insulina. Di conseguenza, il livello di glucosio nel sangue si riduce e questo aiuta a controllare il diabete.

Actos e Glustin sono stati autorizzati a livello europeo nell’ottobre del 2000, Competact nel luglio 2006, Tandemact nel gennaio 2007 e Glubrava nel dicembre 2007.

Il problema del possibile rischio di carcinoma della vescica è stato sollevato nel 2000, al momento dell’autorizzazione all’immissione in commercio dei primi medicinali contenenti Pioglitazone. A quel tempo, alcuni studi preclinici avevano identificato casi di cancro della vescica in ratti maschi, ma non era emerso un rischio negli uomini.
Al momento dell’autorizzazione all’immissione in commercio, la società produttrice Takeda si impegnò ad eseguire uno studio di popolazione ( KPNC ) per approfondire la sicurezza a lungo termine del Pioglitazone.
Lo studio è ancora in corso e il CHMP ha esaminato i risultati preliminari che mostrano un lieve rischio di cancro della vescica nei pazienti trattati con Pioglitazone. In uno studio clinico ( PROactive ) un numero maggiore di casi di tumore della vescica sono stati segnalati con l’uso di Pioglitazone rispetto al placebo, e c'è stato un numero maggiore dell’atteso di segnalazioni di cancro della vescica nei pazienti trattati con Pioglitazone in Europa e negli Stati Uniti.

Il CHMP ha studiato i dati appena si sono resi disponibili e, anche se non definitivi, le evidenze raccolte hanno indicato un segnale di cancro alla vescica tale da richiedere una revisione completa.
Il CHMP ha effettuato questa revisione per stabilire se, alla luce delle evidenze riguardanti il tumore alla vescica, l'autorizzazione all'immissione in commercio dei medicinali contenenti Pioglitazone dovesse essere mantenuta, modificata, sospesa o revocata in tutta l'Unione Europea.
Durante la revisione del CHMP, in Francia sono emersi nuovi dati da uno studio di popolazione, che hanno mostrato un rischio di cancro alla vescica con Pioglitazone spingendo l'Agenzia dei medicinali francese a sospenderne l'uso in Francia. La Germania e il Lussemburgo hanno adottato la misura precauzionale di raccomandare ai medici di non trattare nuovi pazienti con Pioglitazone finchè la revisione era in corso.

Il CHMP ha riesaminato tutti i dati disponibili sul rischio di cancro della vescica con Pioglitazone: studi preclinici, studio PROactive e studi di popolazione. Il Comitato ha inoltre considerato il parere di un gruppo consultivo di Esperti sul diabete mellito che comprendeva anche i rappresentanti dei pazienti.
Il CHMP ha concluso che le evidenze provenienti da diverse fonti mostrano che c'è un lieve rischio di cancro della vescica con Pioglitazone. Dati recenti provenienti da studi di popolazione ( lo studio KPNC, lo studio francese, e un studio caso-controllo GPRD ) hanno mostrato un rischio di cancro della vescica, in particolare nei pazienti trattati per più lunghi periodi e ai dosaggi più alti.
Da un'analisi complessiva di diversi studi clinici ( meta-analisi ), 19 su 12.506 pazienti trattati con Pioglitazone hanno avuto il cancro della vescica ( 0.15% ) rispetto ai 7 su 10.212 pazienti non-trattati con Pioglitazone ( 0.07% ).
Il CHMP ha osservato che ci sono alcuni pazienti che non possono essere adeguatamente trattati con altre terapie e che trarranno beneficio dal trattamento con Pioglitazone. Considerando i rischi associati a Pioglitazone e i suoi benefici per alcuni pazienti, il CHMP ha concluso che i benefici superano i rischi in quei pazienti che rispondono bene a Pioglitazone. I medici prescrittori sono invitati a selezionare attentamente i pazienti e a monitorare la loro risposta al trattamento.
Il CHMP ha anche formulato delle raccomandazioni riguardo alle informazioni prescrittive per ridurre il rischio di cancro alla vescica. Tali raccomandazioni riguardano il monitoraggio degli effetti del trattamento, le restrizioni dell’uso e i fattori che prescrittori e pazienti devono prendere in considerazione quando si utilizzano medicinali contenenti Pioglitazone.

Raccomandazioni per i prescrittori

• Si ricorda ai medici che i benefici di Pioglitazone continuano a superare il rischio nei pazienti che rispondono adeguatamente al trattamento, ma che alcune misure dovranno essere adottate per ridurre il rischio di cancro alla vescica;

• Alcuni pazienti dovranno sospendere la terapia con Pioglitazone, come quelli che hanno o hanno avuto il cancro della vescica o quelli con sangue nelle urine le cui cause non sono ancora state indagate;

• I medici devono rivalutare il trattamento di nuovi pazienti e dei pazienti attualmente trattati con Pioglitazone dopo 3-6 mesi, e interrompere il trattamento per quelli che non stanno ottenendo un sufficiente beneficio. Alle successive visite i medici devono confermare che i benefici per i pazienti siano mantenuti;

• I medici devono prendere in considerazione i fattori di rischio dei pazienti per tumore della vescica ( come l'età, il fumo e l'esposizione a certe sostanze chimiche o trattamenti ) prima di iniziare il trattamento con Pioglitazone;

• I medici devono iniziare la terapia, nei pazienti anziani, con il dosaggio più basso possibile, in quanto a più alto rischio di cancro alla vescica, così come di insufficienza cardiaca, con Pioglitazone;

Raccomandazioni per i pazienti

• I pazienti devono immediatamente segnalare al proprio medico la presenza di sangue nelle urine o altri sintomi sulla condizione della vescica ( come il dolore durante la minzione o l’urgenza urinaria );

• I pazienti attualmente in trattamento con Pioglitazone saranno soggetti a rivalutazione delle loro terapie, da parte del proprio medico, durante il loro prossimo appuntamento in programma. Per qualsiasi domanda, i pazienti devono rivolgersi al proprio medico. ( Xagena2011 )

Fonte: EMA, 2011


Endo2011 Farma2011 Onco2011 Uro2011


Indietro