Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Mediexplorer.it

Epatoprotettori: Legalon


Il Legalon è un epatoprotettore, il cui principio attivo è l’estratto di cardo mariano contenente flavonoidi espressi come Silimarina.
Esistono 4 confezioni di Legalon: compresse rivestite da mg 70 da 140 mg, oppure bustine da 200 mg, o sciroppo da 100 ml.

Indicazioni terapeutiche

Trattamento delle intossicazioni da alcool etilico, psicofarmaci, antiblastici, Paracetamolo.

Posologia e modo di somministrazione

Adulti

Legalon 70: iniziare il trattamento con 2 compresse 3 volte al dì dopo i pasti principali per 4-6 settimane; continuare quindi con 1 compressa 3 volte al dì anche per lunghi periodi.

Legalon 140: iniziare il trattamento con 1 compressa 3 volte al dì dopo i pasti principali per 4-6 settimane; continuare quindi con 1 compressa 2 volte al dì anche per lunghi periodi.

Legalon 200: iniziare il trattamento con una bustina 2 volte al dì dopo i pasti principali per 4-6 settimane. Continuare quindi con una bustina 1-2 volte al dì anche per lunghi periodi. Il contenuto delle bustine deve essere sciolto in mezzo bicchiere d'acqua agitando bene per favorire la dissoluzione.

Legalon sciroppo: 10 ml 3 volte al dì, dopo i pasti. Agitare prima dell'uso per ottenere una sospensione uniforme.

Bambini

Legalon sciroppo: da 2 a 4 anni: 2,5 ml 3 volte al dì dopo i pasti: da 5 a 10 anni: 5 ml 3 volte al dì dopo i pasti; da 11 a 14 anni: 7,5 ml 3 volte al dì dopo i pasti; oltre i 14 anni: 10 ml 3 volte al dì dopo i pasti.

10 ml di Legalon sciroppo contengono 100 mg di principio attivo.

Controindicazioni

Ipersensibilità individuale accertata verso il prodotto. Ostruzione grave delle vie biliari.

Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso

Non sono noti casi di assuefazione o dipendenza. Non sono necessarie particolari precauzioni per l'uso.

Interazioni

Non sono state evidenziate interazioni con altri farmaci.

Gravidanza ed allattamento

Il farmaco è privo di effetto teratogeno; se ne sconsiglia tuttavia la somministrazione durante la gravidanza se non in casi di assoluta necessità.

Effetti indesiderati

Legalon solitamente è ben tollerato. Occasionalmente è stato segnalato un modico effetto lassativo.

Sovradosaggio

Non sono noti casi di sovradosaggio.

Proprietà farmacologiche

Proprietà farmacodinamiche

Il fegato rappresenta l'organo bersaglio di molti dei più comuni tossici sia di origine alimentare che ambientali. La Silimarina, principio attivo della specialità Legalon, si è dimostrata in grado di antagonizzare gli effetti di varie epatotossine.
L'attività del farmaco è riconducibile alla sua proprietà di interferire con i meccanismi patogenetici innescati dalle epatotossine stesse. Il meccanismo d'azione è complesso. Per la maggior parte dei tossici esso è dovuto ad una inibizione della loro attivazione metabolica, mediante la capacità della Silimarina di interferire con eventi di membrana, esercitando a questo livello azioni antilipoperossidative e scavenger di radicali liberi. In aggiunta la Silimarina interferisce con i sistemi di trasporto, a livello delle membrane cellulari, comuni a molte sostanze esogene ( Tetracloruro di carbonio, Rifampicina, Acido Fusidico, Amanitina, ecc.) determinando così una ridotta ricaptazione di tali sostanze da parte delle cellule epatiche.

Inoltre il farmaco, nelle intossicazioni da etanolo, si è dimostrato in grado di inibire la conversione dell'etanolo stesso ad acetaldeide e di impedire la diminuzione delle concentrazioni endocellulari di glutatione, indotte da agenti tossici esogeni quali alcool e paracetamolo, determinando così una maggior disponibilità di questa molecola per l'inattivazione degli agenti tossici stessi e dei loro metaboliti.

Proprietà farmacocinetiche

Gli studi di farmacocinetica hanno dimostrato che il farmaco è ben assorbito per via orale e che l'assorbimento è proporzionale alla dose somministrata. L'eliminazione attraverso l'emuntorio renale è molto bassa avvenendo prevalentemente per via biliare ( 80-90% del somministrato ) con esistenza di un circolo enteroepatico. Le concentrazioni più elevate si riscontrano infatti nel fegato e nel sangue, in misura modesta in altri organi. In seguito a somministrazioni ripetute l'escrezione biliare raggiunge uno steady-state al termine del secondo giorno, con esclusione quindi di fenomeni di accumulo.

Informazioni farmaceutiche

Eccipienti

Compresse rivestite da 70 mg: destrosio, polisorbitanmonooleato, polivinilpirrolidone, crospovidone, stearina, amido di riso, saccarosio, gomma arabica, talco, silice precipitata, titanio biossido, calcio carbonato, colore E110, lattosio, cera kepal.

Compresse rivestite da 140 mg: destrosio, polisorbitanmonooleato, stearina, polivinilpirrolidone, crospovidone, amido di riso, saccarosio, gomma arabica, talco, silice precipitata, titanio biossido, colore E110, colore E127, lattosio, calcio carbonato, cera kepal.

Bustine da 200 mg: sodio bicarbonato, acido tartarico, acido citrico, Sodio cloruro, sodio citrato tribasico, saccarinato sodico, colore giallo chinolina E104, aroma limone, saccarosio, lattosio.

Sciroppo: carbossimetilcellulosa, bentonite, cellulosa microgranulare, potassio sorbato, sodio benzoato, acido ascorbico, acido citrico, sorbitolo, saccarina sodica, aroma Somal Jordan, aroma dolce Givaudan, aroma Nougat E, acqua q.b. ( Xagena2006 )

Fonte: Scheda tecnica Legalon, 2006
Farma2006 Gastro2006


Indietro