Farmaexplorer.it
XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa

Chinoloni: eventi avversi associati alla Levofloxacina


I fluorichinoloni, tra cui la Levofloxacina ( Levaquin, Tavanic ), sono associati ad un aumentato rischio di tendinite e di rottura del tendine a tutte le età.
Il rischio aumenta nei pazienti anziani, generalmente con più di 60 anni, nei pazienti che stanno assumendo corticosteroidi, e nei pazienti sottoposti a trapianto di polmone, rene o cuore.

La Levofloxacina è controindicata nelle persone con nota ipersensibilità al farmaco o agli altri antibiotici fluorochinolonici.

Gravi reazioni allergiche, occasionalmente fatali, sono state riportate nei pazienti riceventi terapia con fluorochinoloni, tra cui Levofloxacina.
Queste reazioni possono presentarsi già dopo assunzione della prima dose o dopo dosi multiple.
Il trattamento con Levofloxacina dovrebbe essere interrotto alla comparsa di rash cutanei, orticaria, o altri sintomi di reazioni allergiche.

Nei pazienti trattati con Levofloxacina è stato riportato danno epatico. Un paziente che presenta sintomi inspiegati come nausea, vomito, dolore allo stomaco, febbre, debolezza, dolore addominale o dolorabilità al tatto, prurito, spossatezza inusuale, perdita di appetito, urine scure, colore giallo della pelle e della sclera, dovrebbe informare immediatamente il proprio medico e sospendere l’assunzione dell’antibiotico.

Convulsioni sono state riportate nei pazienti riceventi i fluorochinoloni, tra cui Levofloxacina.
Possono anche presentarsi ( già alla prima dose ) altri disturbi del sistema nervoso centrale, come: confusione, insonnia, depressione, e ansia.

Sono stati riportati alterazioni sensitive e neuropatia periferica ( dolore, bruciore, formicolio, intorpidimento, debolezza ).

La diarrea, che generalmente termina dopo il trattamento, è comune con gli antibiotici.
Un’infezione intestinale ( colite pseudomembranosa ) può presentarsi con la maggior parte degli antibiotici, tra cui la Levofloxacina.
In caso di diarrea persistente, diarrea acquosa o feci sanguinolente ( con o senza crampi di stomaco e febbre ) è opportuno consultare il medico.
Le infezioni intestinali possono presentarsi durante il trattamento, ma anche fino a 2 mesi dopo l’uso degli antibiotici.

In rari casi, la Levofloxacina è stata associata ad alterazioni del ritmo cardiaco.
L’incidenza di prolungamento dell’intervallo QT è più elevato quando la Levofloxacina è associata a particolari farmaci antiaritmici, quali la Chinidina ( Idrochinidina ), oppure il chinolone è assunto da pazienti con bassi livelli di potassiemia o che presentano predisposizione all’allungamento dell’intervallo QT.

La Levofloxacina può causare fotosensibilità; è pertanto necessario durante trattamento con l’antibiotico evitare l’esposizione alla luce solare e alla luce ultravioletta.

Disturbi della glicemia sono stati riportati con l’uso dei fluorochinoloni, generalmente nei pazienti affetti da diabete, che stavano assumendo farmaci antidiabetici orali o Insulina.

Gli antiacidi contenenti Magnesio o Alluminio, così come il Sucralfato, i cationi metallici come Ferro, e i preparati multivitaminici con Zinco, non dovrebbero essere impiegati prima o dopo la somministrazione di Levofloxacina ( intervallo di 2 ore ).
L’associazione tra Levofloxacina e Warfarin ( Coumadin ) è stata associata a episodi di sanguinamento.

La Levofloxacina dovrebbe essere impiegata durante la gravidanza solo se il potenziale beneficio giustifica il potenziale rischio per il feto.

I più comuni eventi avversi ( maggiori o uguali al 3% ), riscontrati durante gli studi clinici compiuti negli Usa , sono rappresentati da: nausea, cefalea, diarrea, insonnia, costipazione, e capogiri. ( Xagena2009 )

Fonte: Scheda tecnica di Levaquin, 2009


Inf2009 Farma2009


Indietro