Gastroenterologia.net
Neurologia
Mediexplorer
Ematologia.net

Antiacidi: l'impiego nel lungo periodo degli inibitori della pompa protonica è correlato a un aumentato rischio di tumore gastrico


Uno studio basato sulla popolazione ha mostrato che l'impiego di un inibitore della pompa protonica ( PPI ), un farmaco impiegato per l'acidità gastrica, dopo l'eradicazione di Helicobacter pylori aumenta in modo sensibile il rischio di cancro gastrico.
E' pertanto necessaria cautela quando si prescrivono gli inibitori della pompa protonica per un lungo periodo.

L'eradicazione di Helicobacter pylori ha dimostrato di ridurre il rischio di tumore gastrico dal 33% al 47%, ma molti pazienti sviluppano il carcinoma gastrico anche dopo l'eradicazione di Helicobacter pylori.

La terapia con inibitori della pompa protonica, anche se generalmente considerata sicura, è associata a un peggioramento dell'atrofia gastrica, in particolare nei pazienti affetti da infezione da Helicobacter pylori.
Una recente meta-analisi ha riscontrato un aumento del rischio di cancro gastrico del 43% tra coloro che facevano uso prolungato di inibitori della pompa protonica.

Utilizzando una banca dati sanitaria a livello territoriale a Hong Kong, ricercatori hanno confrontato il rischio di cancro gastrico tra i soggetti che hanno fatto uso di inibitori della pompa protonica e i soggetti trattati con antagonisti del recettore H2 dell'istamina ( H2RA ) tra 63.397 adulti trattati con successo con un ciclo di tre giorni di tripla terapia per eradicare l'Helicobacter pylori tra il 2003 e il 2012.

Gli inibitori della pompa protonica sono molto più potenti degli antagonisti dei recettori H2 in termini di soppressione dell'acido gastrico.
Studi precedenti non avevano rivelato alcuna associazione tra lo sviluppo di cancro gastrico e l'uso di antagonisti del recettore H2.
Gli antagonisti del recettore H2 sono stati quindi scelti come controllo negativo nello studio.

Durante un follow-up mediano di 7.6 anni, 153 persone ( 0.24% ) hanno sviluppato il tumore gastrico dopo terapia di eradicazione dell'Helicobacter pylori, principalmente nelle regioni non-cardias ( 62% ).
Nessuno dei pazienti con cancro gastrico è risultato positivo al test per l'Helicobacter pylori, ma tutti soffrivano di gastriti da lungo tempo.
L'età mediana alla diagnosi di tumore era di 71.4 anni; il tempo mediano intercorso dall'eradicazione dell'Helicobacter pylori alla diagnosi di tumore gastrico è stato di 4.9 anni.

Dopo aggiustamento per il punteggio di propensione, le persone che stavano assumendo gli inibitori della pompa protonica almeno settimanalmente avevano un rischio maggiore di due volte di sviluppare il tumore gastrico ( hazard ratio, HR=2.44, intervallo di confidenza del 95% [ IC ], 1.42-4.20 ).
La differenza del rischio assoluto, corretto per il punteggio di propensione, tra l'utilizzo di inibitori della pompa protonica e il non-utilizzo è risultata in un eccesso di 4.29 casi di tumore gastrico per 10.000 anno-persone.

Le persone che hanno assunto gli antagonisti del recettore H2 non hanno presentato un aumento del rischio ( HR=0.72; IC 95%, 0.48-1.07 ).

Dopo la stratificazione per sito tumorale, l'uso degli inibitori della pompa protonica è risultato significativamente associato solo a un aumento del rischio di cancro gastrico non-cardias ( HR=2.59; IC 95%, 1.42-4.72 ) ma non di carcinoma della giunzione esofago-gastrica ( HR=1.97; IC 95%, 0.57-6.82 ).

Il rischio di cancro gastrico aumenta con la maggiore durata d'uso degli inibitori della pompa protonica.
L'hazard ratio era pari a 5.04 ( IC 95%, 1.23-20.61 ) per 1 anno di utilizzo o più lungo, 6.65 ( IC 95%, 1.62-27.26 ) per 2 anni di utilizzo o più e 8.34 ( IC 95%, 2.02-34.41 ) per 3 anni o più.
L'uso più frequente era anche associato a un maggior rischio. Rispetto al gruppo di riferimento ( inferiore all'uso settimanale ), il rischio di tumore gastrico è risultata aumentare con un uso più frequente degli inibitori della pompa protonica. L'hazard ratio era di 2.43 ( IC 95%, 1.37-4.31 ) per l'uso settimanale rispetto a un uso inferiore al giornaliero, aumentando a 4.55 ( IC 95%, 1.12-18.52 ) per l'uso quotidiano degli inibitori della pompa protonica.

Gli inibitori della pompa protonica sono utilizzati nel trattamento sintomatico ed eziologico di diverse sindromi, come: dispepsia, ulcera gastro-duodenale, sindrome di Zollinger-Ellison, e malattia da reflusso gastroesofageo.
Sono anche usati associati ad alcuni antibiotici nel trattamento della gastrite da Helicobacter pylori.
Inoltre, gli inibitori della pompa protonica sono anche utilizzati nei pazienti trattati con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) o altri farmaci antinfiammatori ( FANS ) a lungo termine.
I più noti inibitori della pompa protonica sono: Esomeprazolo, Lansoprazolo, Omeprazolo, Pantoprazolo. ( Xagena2017 )

Fonte: Gut, 2017

Gastro2017 Onco2017 Farma2017


Indietro